FribbyNetwork                                     Fribby.net                                    sottocos.to                                    ContoPerConto.it                                    gat.to            

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Scarica l'App Android

Abbonati alla Newsletter

Abbonati ai Feed RSS

Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi FITD

FIDT

Spesso nei contratti o nelle pubblicità leggiamo che la banca in questione aderisce al FITD, o Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi; ma di cosa si tratta e che garanzie offre ai nostri risparmi depositati in banca?
Approfondiremo questi ed altri aspetti nell’articolo.

Cos’è il FIDT?

Si tratta di un fondo a cui aderiscono (obbligatoriamente per quanto riguarda le banche con sede in Italia) le banche e che garantisce i fondi depositati dei risparmiatori contro ad esempio il fallimento dell’istituto.

Cosa Garantisce?

Il fondo garantisce le somme di denaro in conti corrente, depositi (anche quelli vincolati), assegni circolari e certificati di deposito nominativi.
Praticamente tutto ciò che non rientra in una delle categorie sopra menzionate non è garantito dal fondo, come ad esempio: obbligazioni, azioni, pronti contro termine, certificati di deposito al portatore e titoli di stato.
Se la vostra banca vi propone una di queste ultime forme di investimento (capita soprattutto per quanto riguarda i pronto contro termine o PCT della banca stessa) ricordatevi che non sono protetti dal fondo ma vengono unicamente “garantiti” dalla banca stessa che li emette. Purtroppo molti agenti si “dimenticano” di puntualizzare questo aspetto, facendo credere che la protezione sia fornita dal fondo quando in realtà non è vero.

Qual è il limite?

Il limite garantito dal fondo è di 100.000€ per singolo depositante e per singola banca:

  • se abbiamo un conto corrente con 150000€ sono garantiti solamente 100.000€
  • se il conto è cointestato con un’altra persona la garanzia sale a 200.000€ quindi tutti i 150.000€ dell’esempio precedente saranno garantiti
  • se abbiamo più conti corrente in diverse banca, in ogni banca avremo una protezione di 100.000€ (o 200.000€ se il conto è cointestato)

Per maggiore sicurezza nel caso di ampia disponibilità di capitali, conviene dividerli in più banca senza superare il “limite” di 100.000€ garantiti dal fondo stesso: se ad esempio abbiamo un capitale di 1.000.000€ ripartendolo in 10 banche diverse avremo una protezione totale.

Attenzione! Il valore di 100.000€ si applica sulla singola banca e non sul singolo conto: se ad esempio abbiamo 2 conti nella stessa banca con 60.000€ ciascuno, saranno garantiti solo 100.000€ e non i 120.000€ totali.

La garanzia è al 100%?

Il fondo garantisce al 100% fino al valore di 100.000€ come anticipato precedentemente, ma bisogna chiarire un aspetto molto importante: il fondo non è infinito.

Questo cosa significa? Se ad esempio ci fosse un collasso bancario totale il fondo non potrebbe ovviamente garantire nulla, ma anche senza arrivare a situazioni così estreme,  pensiamo ad esempio al fallimento di una o più banche importanti; ci sarebbero serie difficoltà per le altre banche di accollarsi tutta questa mola di denaro.

Il fondo funziona per banche medie/piccole, che in caso di difficoltà, non farebbero ricadere i problemi completamente sulle spalle dei risparmiatori.

Concludendo: pensate al fondo come un aiuto extra, quando la vostra banca per qualche motivo non potesse più restituirvi quanto da voi versato, ma al tempo stesso non consideratelo come una solida scialuppa di salvataggio in caso di eventi eccezionali.

P.S. Le Banche di Credito Cooperativo non aderiscono al FITD ma al fondo di Garanzia dei Depositanti con funzionamento del tutto simile al FITD.

Per maggiori informazioni potete visitare www.fitd.it